Dergano, alla scoperta del quartiere della solidarietà

A Nord di Maciachini si trova Dergano, un quartiere tutto da scoprire che negli anni si è distinto per le sue iniziative di solidarietà ed inclusione sociale, ultima delle quali Le Ceste Sospese lanciata da Mamusca.

Ecco qualche curiosità per scoprire la zona

CULTURA A DERGANO

Museo Botanico Aurelia Josz

Il Museo Botanico Aurelia Josz è uno spazio all’aperto che si estende su di un’area di circa 24.000 m2., già vivaio comunale. Al momento MuBAJ apre al pubblico un sabato pomeriggio al mese, senza prenotazione, e propone giochi, laboratori, incontri, reading, musica, visite guidate e tante altre iniziative a tema per bambini e adulti.

Rifugio Antiaereo 87

Visitabile tramite visita guidata questo luogo è importantissimo per ricordare e far conoscere un delicatissimo e doloroso capitolo della storia del nostro Paese.
Viale Luigi Bodio 22

SCOPRI ANCHE IL PROGETTO STORIA DI PICCOLA MILANO

Museo Collezione Branca

Passando in Viale Jenner si vede la bellissima ciminiera decorata con il murales più alto di Italia opera di Orticanoodles delle Distillerie dei Fratelli Branca. Il complesso ospita il Museo che ne racconta la storia, l’industria, la comunicazione e gli aspetti produttivi.

Teatro Bruno Munari – Teatro del Buratto

La struttura include oltre alla sala teatrale, spazi laboratoriali, aule, sale prova, uffici e altri spazi per incontri ed eventi, progettati dall’architetto Italo Rota. La sua particolare struttura rende inoltre possibile l’uso simultaneo e complementare degli spazi, permettendo manifestazioni ed eventi più complessi, compreso un auditorium all’aperto.

Il Teatro Bruno Munari

La ciminiera Branca decorata da Orticanoodles

MANGIARE A DERGANO

Mamusca. Caffè, libri e piccole cose

Un piccolo posto adorabile, aperto dalla colazione all’aperitivo. Potrete ordinare uno dei loro tramezzini derganesi e partecipare a una delle tante attività di quartiere che organizzano.
Via Bernardo Davanzati 2

Rob de Matt

Un ristorante adornato da un magnifico giardino con un cuore sociale: si tratta infatti di un’associazione che si basa su un progetto di inclusione sociale e lavorativa rivolto a persone con storie di marginalità e svantaggio (persone con disagio psichico, rifugiati politici, migranti in difficoltà, ex carcerati, NEET).
Via Enrico Annibale Butti 18

Osteria del Biliardo

Un posto fermo nel tempo, con grande sala da biliardo e ristoro, merita un giro anche solo per una partita con gli abitanti del quartiere.
via Cialdini 107

TAAC Trattoria

Una chicca dove gustare piatti della tradizione Lucana e della cucina italiana. Non super economico ma la qualità giustifica il prezzo. Da provare!
Via Cialdini 73

Manfredi Amilcare

Una menzione speciale per Amilcare, una trattoria vecchia Milano in cui il tempo sembra essersi congelato. Super economica, un’esperienza.
Via Carlo Imbonati 11

Spib

Se siete amanti della pizza Sottile Particolare Incredibilmente Bassa qui ne troverete una squisita. Chiedete anche della pizza del giorno.
Via Legnone 34

Samarkand

Un posticino autentico dove provare piatti della tradizione persiana e orientale. Menù con anche possibilità di combinare piatti di diverse tradizioni.
Via Maffeo Pantaleoni 10

LA SERA A DERGANO

Birrificio La Ribalta

Le produce e ve le serve, in questo eccellente birrificio troverete anche una buona cucina e dei dolci stratosferici.
Perfetto anche per le serate estive in quanto dispone di spazio all’aperto.
Via Cevedale 3

EXTRA A DERGANO

Floricoltura Radaelli

Un grandissimo spazio di esposizione e vendita di piante usato anche per eventi e servizi fotografici.

 

LEGGI ANCHE PAUSA PRANZO IN MACIACHINI 

Osteria del Biliardo Dergano

La sala da biliardo dell’Osteria del Biliardo

Rob de Matt Dergano

Il giardino del Rob de Matt

Floricoltura Redaelli Dergano

Il vivaio della Floricoltura Redaelli

Cosa sono le ceste sospese?
Una Cesta Sospesa dalla finestra, esposta con il cartello chi può metta, chi non può prenda in 9 lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, arabo, cinese, filippino, rumeno) per offrire a chi ha bisogno beni di prima necessità garantendo l’anonimato e per sollecitare a donare chi può farlo.